Siamo alle battute finali. O perlomeno, dovremmo esserci. È partito il countdown per l’ultima fase del processo di approvazione (e/o revisione) del testo del DdL Concorrenza, che contiene anche molte novità in tema di assicurazione auto. Il decreto, stando ai rumors, dovrebbe essere analizzato dalla commissione industria del Senato prima di Pasqua, anche se dovrebbe subire alcune modifiche rispetto al testo prodotto dal passaggio alla Camera.

Uno degli aspetti più “caldi” è senz’altro quello degli sconti obbligatori sulla RC Auto. Il primo testo prevedeva che la percentuale minima degli sconti fosse decisa dall’IVASS (subordinata comunque ad alcune condizioni preliminari, come l’installazione della scatola nera a bordo del veicolo). Il testo in analisi al Senato, invece, dovrebbe dare all’IVASS solo il potere di definire i criteri e le modalità che intervengono nel processo di definizione della tariffa (e il conseguente ricalcolo del premio), mentre sarà appannaggio delle Compagnie decidere l’entità dello sconto (che rimane però obbligatorio), invitate però ad applicare uno sconto maggiore a clienti virtuosi residenti in provincie con costi più alti. Le compagnie assicurative sono chiamate, inoltre, ad evidenziare gli sconti praticati in sede di preventivo e di contratto, sia in valore assoluto che in percentuale rispetto al prezzo di listino della polizza.

L’IVASS resterà comunque l’unico organo deputato alla vigilanza e la comminazione delle sanzioni in caso di mancato rispetto dei criteri da parte delle compagnie, le quali secondo il nuovo decreto potrebbero rischiare una multa fino a 80.000 euro, oltre alla riduzione automatica del premio assicurativo, in caso non si adeguassero ai criteri decisi.

Fonte: www.facile.it