L’importanza della professionalità più che del nome

Anno 2013. Google lancia un nuovo servizio chiamato “Google Compare”, un comparatore di assicurazioni online introdotto nel mercato americano.

Anno 2015. Google Compare entra anche nel mercato assicurativo del Regno Unito.

Anno 2016. Google ritira il servizio Compare da entrambi i mercati, dichiarandone il flop contro le sue stesse attese.

 

Che l’azienda di Mountain View sbagli un’operazione, è davvero una notizia. Ma andando oltre l’inconsueto binomio tra “google” e “flop”, si possono scorgere delle indicazioni estremamente importanti non solo per gli operatori del mercato assicurativo, ma soprattutto per i consumatori.

Abbiamo detto in più casi (e non solo noi), che una delle armi che il consumatore ha per cercare di risparmiare a livello economico (o per meglio dire, di ottenere la migliore proposta in termini di rapporto tra servizio e prezzo), è quella di non fermarsi al primo preventivo richiesto e ottenuto.

Questo suggerimento ha spesso portato il consumatore a consultare siti di comparazione assicurativa online, spinti sicuramente dalla dichiarata riduzione dei premi proposti nelle pubblicità, ma anche dal vantaggio di poter avere più quotazioni da più compagnie con pochi click, risparmiando tempo.

Quello che, però, l’episodio della chiusura di “Google Compare” mostra (ancora una volta), è che il mercato assicurativo è forse quello dove i fattori competenza, professionalità, esperienza e soprattutto fiducia pesano di più.

Non è sufficiente operare con dedizione in questo settore, anche se ci si chiama Google. La storia (anche di ogni singolo dipendente che compone l’azienda) nel campo assicurativo, lo studio scrupoloso delle dinamiche del presente e degli scenari futuri e la capacità di ispirare fiducia nel consumatore (sicuramente obiettivo più facile da raggiungere se il cliente può confrontarsi con una persona fisica invece che con uno schermo) faranno sempre la differenza.

 

Fonte: www.assicurazioneonline.com