Insurance Europe su confronto europeo del ramo R.C. Auto

Ania Trends pubblica la Newsletter dell’ufficio studi relativa al mese di novembre, in cui si fa riferimento al rapporto Insurance Europe su dati e andamento del ramo RC Auto in Italia e in Europa.

Dal rapporto emerge una riduzione della frequenza dei sinistri, ma un aumento del costo medio dei sinistri causato dall’elevata frequenza dei sinistri con danni alla persona.

I sinistri per danni alla persona incidono particolarmente sul prezzo del premio puro.

Cos’è il premio RC Auto ?

Educazioneassicurativa dell’IVASS nelle sue Guide Pratiche spiega egregiamente il concetto di premio rc auto distinguendolo tra premio puro, premio di tariffa e premio lordo.

Oltre alla definizione classica di premio, che lo vede quale somma che il contraente è disposto a versare all’agenzia di assicurazione che si assume il rischio, per premio si intende:

  • Premio puro: premio calcolato sulla base del rischio che l’impresa si assume;
  • Premio di tariffa: somma del premio puro e dei costi di gestione della polizza;
  • Premio lordo: importo che il contraente versa all’impresa (premio di tariffa + imposte).

RC Auto – Rapporto European Motor Insurance Markets

Passiamo ai dati. Insurance Europe ha pubblicato nel mese di novembre il rapporto in cui si analizzano dati e andamenti del ramo RC Auto per i paesi europei impiegando diversi indicatori, tra i quali la frequenza dei sinistri denunciati e il costo medio dei sinistri.

  • Frequenza dei sinistri denunciati (il rapporto tra il numero dei sinistri e il numero degli assicurati in un anno): -32 %;
  • Costo medio dei sinistri (il rapporto tra l’onere dei sinistri dell’anno e il numero dei sinistri denunciati): + 34 %.

Se da un lato, quindi, si assiste ad una diminuzione dei sinistri, dall’altro vi è un incremento dei costi: 5341 euro a fronte di una media di 3200 euro a livello europeo.

Questo incremento deriva principalmente dalla concentrazione dei sinistri che presentano danni alla persona. L’aumento del costo dei sinistri incide sul premio puro, poiché frequenza e costi dei sinistri sono fattori che influenzano il calcolo del premio, a cui vanno poi aggiunte le spese di gestione (premio di tariffa) e le imposte (premio lordo).

Il dati riflettono, poi, il divario che sussiste tra l’Italia e gli altri paesi europei: l’Italia nel 2013 registrava un premio puro complessivo pari a 300 euro rispetto a 201 euro della media europea.

Insomma, i sinistri diminuiscono, ma il premio puro è lontano da quelli europei.

Fonte: RC Auto – European Motor Insurance Market